24
gen

Copy-Pope

"Sottoposti a copyright tutti gli scritti, i discorsi e le allocuzioni del Papa. Sia di quello regnante che dei predecessori, fino a 50 anni addietro". Questa la notizia circolata qualche giorno fa dal sito della gazzetta del mezzogiorno quindi niente più angelus domenticali, niente dichiarazioni di Ratzinger virgolettate, non si vedranno più le parole di Giovanni Paolo II a meno di pagare una decima alla Santa Sede.
Senza parole, è uno schifo. Già mi immagino le dichiarazioni al fulmicotone di Natzinger pagate a peso d’oro dai giornali o i dvd con le dichiarazioni segrete di Papa Woytila da allegare all’Osservatore Romano.

Pensate se Gesù avesse fatto pagare le sue parabole, in effetti la predicazione degli apostoli potrebbe essere stata trasformata proficuamente in un meccanismo multi-livello. Gesù faceva pagare una moneta d’oro per i diritti su ogni  discorsi e sono già 12 monete d’oro con l’opzione di una moneta d’argento per ogni nuovo amico che avrebbe portato nella religiorne cristiana. Ogni apostolo avrebbe potuto far pagare 5 monete d’argento come royalty ad ogni nuovo socio. Passando ai freddi numeri, contando che ogni apostolo poteva parlare a 30 persone, sono per Gesù 12 monete d’oro e 360 monete d’argento, ogni apostolo poi ha 120 monete d’argento rientrando nell’investimento iniziale con la possibilità di moltiplicare gli introiti al seguente livello! Incredibile!