07
mar

A Day At The Bocconi

Lo stereotipo dello studente bocconiano è abbastanza strano. Ancora più strano e stereotipato è quello del professore bocconiano. Quello quì sotto è uno degli esempi: si tratta del mio professore di  economia internazionale.

L’aspetto è ovviamente curatissimo, niente è lasciato al caso. La divisa è composta da camicia azzurra, cravatta, pantaloni eleganti e giacca rigorosamente appoggiata ad inizio lezione sulla sedia. L’abbinamento dei colori è standard. Solitamente il pantalone è blu e intonato alla cravatta. E’ capitato con il professore di marketing che mettesse la cravatta rossa esclusivamente in abbinamento con la montatura degli occhiali dello stesso colore. Quello che però rende davvero bocconiani d.o.c. sono le iniziali cucite sulla camicia in basso a destra.

  • zemmolina
    07 mar 06@11:19 pm:

    A me piace pensare che sotto quelle giacche e cravatte esistano panze piene di birra, e viziacci inconfessabili.

    Alla Bocconi la fate un po’ di sociologia goffmaniana?

    Ti tranquillizzerebbe molto da questo punto di vista: siamo tutti attori sul grande palcoscenico della vita.

    …Anche il tuo professore incravattato e benemerito.

    ^_^

  • MikyInTheSky
    08 mar 06@4:50 pm:

    non so cosa sia la teoria goffomaniana ma sembrerebbe simile alla”teoria di shakespeare” che dice praticamente la stessa cosa che ho studiato ieri in organizzazione aziendale.

    sicuramente molti di quelli che sono così in Bocconi lo sono proprio perchè “è tradizione” andare in bocconi vestiti così, una forma di rispetto per l’istituzione.