08
mag

C’è chi dall’altra parte del mondo…

Salve a tutti gente! Sabato sera Rolling Stone di Milano per il concerto dei Gem Boy!
La band demenziale deve la maggior parte del suo successo a internet e al peer to peer che l’ha resa famosa per grandi pezzi della canzone italiana come "Orgia Cartoon" "Just My Imagination" oppure "F.I.G.A.". Mi veniva quasi da sorridere quando hanno presentato il loro nuovo album, in uscita a fine settimana, pensando a quanti lo acquisteranno e a quanti effettivamente lo ascolteranno per altre vie.

In ogni caso, tornando alla cronaca del concerto, la prima parte è stata dedicata un po’ alla loro storia, quasi tutte cover di canzoni famose. Per non smentirsi iniziano con "F.I.G.A" e a ruota segue "Just My Imagination (per me è tua madre)". Da subito coinvolgono il pubblico con gag a ripetizione. A circa metà concerto salta la corrente lasciando il palco al buio e i Gem Boy muti. Una volta ripreso ripartono con 3 pezzi dal nuovo album e "Marco e Licia" con tanto di video. Dopo questi pezzi, quelli del nuovo album piuttosto mosci a dir la verità, iniziano i grandissimi classici. "Holly e Benji" viene accolta in un boato dopo di che, come tutte le rockband che si ripettino, fingono l’uscita e la fine del concerto per essere poi richiamati fuori al coro di "Orgia orgia orgia orgia". Tutta "Orgia Cartoon" live in un delirio totale.

Ok, ok, sono degli idioti, su questo non ci piove. Anche tecnicamente non sono male, mi hanno colpito in particolare il chitarrista (che tra le altre mi è sembrato usasse una copia della Red Special di Brian May) e il cantante che  ha devvero degli ottimi falsetti. Facendo una riflessione seria, sembrebbe che uscendo da quelli che sono i pezzi che li hanno resi "famosi" sul circuito di internet non rendono allo stesso modo.

Se però si trovano a passare dalle vostre parti fateci un pensierino, passerete senza dubbio qualche ora di risate.