04
giu

Gli uomini preferiscono le more (almeno io)

Sono due i miei modelli di bellezza femminile che inseguo.

La prima è Monica Bellucci: la donna più bella del mondo. Stupenda, intelligente, fine, cosa c’è da chiedere di più? Rappresenta la versione post-moderna della donna angelicata di Dante e Petrarca, mandata dal cielo per riempire le vite e i cuori degli uomini della terra.
Per quanto angelicata, per quanto rappresenti tutto quello di buono e di immacolato che si può trovare in  una donna, i miei occhi l’ardiscon di guardare eccome.

Peccato solo che è sposata con quel mangiarospi di Vincenzo Casseruola (Vincent Cassel) e sia anche madre di una bimba.
Beh, io non sono geloso e non ho problemi a prendermi cura di una bambina che non sia mia quindi Monica, se mi leggi puoi iniziare a preparare le pubblicazioni.

Lei invece è un po’ meno conosciuta in Italia se non a qualche intenditore di vecchia data. Se Monica è l’amore virgineo Bettie Page è sesso, droga e rockNroll. Dopo Mariylin (Monroe, non Manson) è stata la pin-up di PlayBoy più famosa in USA e la più apprezzata in assoluto da Hugh Hefner, e lui si che se ne intende. Lei è l’icona del sesso trasgressivo, selvaggio, feticista e sadomaso. Corpo sinuoso, seno perfetto e quell’aria da innocente ragazzina che attira gli uomini come una calamita.
La questione è piuttosto complicata rispetto a quella di Monica. Oggi Bettie, oltre ad essersi ritirata a vita privata, ha la veneranda età di 83 anni e non credo proprio sia quel fiorellino di ragazza che era negli anni 50.

Chi diceva che gli uomini preferiscono le bionde? Ah già, era bionda anche lei.