22
giu

Scusi, che ne pensa di un romantico alla FNAC?


Come previsto ieri sono stato alla FNAC di Via Torino per vedere i Baustelle esibirsi in un piccolo live acustico. L’inizio era previsto per le 18.30 e sono arrivato all’incirca per quell’ora. Il concerto si è tenuto al secondo piano, quello appunto dedicato alla musica, dove c’è una piccola sala riservata per occasioni del genere. Dalle foto che ho visto in giro sono soliti fare queste cose e per quella sala sono davvero passati grandi nomi, i pochi che ho visto, dato il casino, sono stati De Andrè, Battiato, Mia Martini ma c’erano foto un po’ ovunque.La sala era piuttosto affollata, ad occhio credo meno di 100 persone, ma abbastanza per morire soffocati dal caldo. Dopo aver fatto il sound check si sono aperte le porte e mi sono riuscito a piazzare solo piuttosto indietro. I Baustelle hanno iniziato subito con i pezzi dell’ultimo album, la Malavita, e il primo è stato “I Provinciali”, una specie di ballata piuttosto lenta.

La formazione era composta da Francesco Bianconi, front-man, voce principale e chitarra acustica, Rachele Bastreghi, synt e seconda voce, Claudio Brasini alla batteria e Claudio Chiari alla chitarra rock. C’era anche un quinto Baustelle al violoncello ma non sono riuscito a capire il nome e wikipedia non mi aiuta. Tra l’altro Francesco Bianconi in un inedito look alla Ringo Starr, capellone come al solito (e come me dopotutto) ma nei video non l’avevo mai visto con i baffi. Rachele invece è sempre più carina.

A questo punto non ricordo se hanno fatto prima le due cover inglesi, che non ho capito di chi fossero, o Un Romantico a Milano, che non poteva mancare. Come faceva spesso De Andrè durante i concerti, il quale cambiava alcune parole all’interno dei testi, Francesco ha cantato il verso “Mamma, che ne dici di un romantico alla scala” in “Mamma, che ne dici di un anarchico alla scala”. Tra l’altro la parola preferita di Faber quando c’era da cambiare un verso, non so se è stata una citazione o una chiave di lettura per la canzone. In ogni caso il concerto si è concluso ovviamente con La Guerra è Finita.

Devo dire di averli rivalutati dopo il concerto del primo maggio. L’acustica era pessima e anche le regolazioni del suono non perfette, un paio di volte i microfoni hanno rumorosamente fischiato, ma devo dire ci sanno fare. La voce di Francesco è terribilmente bassa, tra l’altro quando parla si capisce poco, e spesso veniva coperta dagli strumenti. Si confermano una delle migliori band italiane attualmente in circolazione, non mancherò di vedere un live intero se ne dovesse capitare l’occasione. L’8 agosto potrebbe capitare l’occasione, ad Eboli. Spero di non mancare.

Vi lascio con il video di ieri di Un Romantico a Milano, ovviamente qualità pessima causa telefonino. Inoltre si interrompe una trentina di secondi prima della fine perchè non mi ero accorto di stare salvando nelle (poca) memoria del telefono e non sulla mmc.

[youtube XPGq-ClOvRM]