06
dic

Quì c’è di mezzo la droga

Image(070)Andavo oggi verso alcuni uffici della mia università per un’intervista con un professore quando sulla circunvallazione ho visto questi due simpaticissimi cartelli che non mi sono potuto esimere dal fotografare.
II responsabile di questa cattivissima informazione è il comune di Milano che non solo equipara droghe leggere a droghe pesanti ma va dritto sulla strada secondo la quale un consumatore di cannabis prima o poi diventerà un’eroionomane.
Image(068) Ovviamente non ci si poteva aspettare altro da un sindaco che è stato ministro per il governo Berlusconi, lo stesso che ha emesso quell’infame legge che risponde al nome di Fini-Giovanardi.
Se andiamo avanti con questa cultura col cazzo che divantiamo una nazione civile.
A pensarci mi sento quasi uno sfigato, dopo tanto tempo ancora non mi è sfiorata nemmeno per l’anticamera del cervello di darmi all’eroina, chissà come mai. I misteri della psiche umana.

  • biscutin
    06 dic 06@3:52 pm:

    ciau! bello il blog..è da tanto che nn passo da qui..passa da me cmq! e ricorda che : “Non amare x paura di soffrire è come non vivere x paura di morire” ciau!!!

  • Sidderella1
    10 dic 06@11:44 pm:

    che minchiata paragonare una canna all’eroina…ed è pieno di gente ignorante che ce sta anche dietro a ste cose…ma uno stato non dovrebbe darci delle informazioni?! e invece i nostri cervelli si riempiono di stronzate, solo perchè qualche stronzo ci deve fare i soldi dietro.

    Ma ancora più brutto è rendere uguali tutte le droghe dal punto di vista legale, come se farsi un cannone e farsi una pera è la stessa cosa…

    e soprattutto siamo tutti dei tossici…ricorda ;)

    ciao michè :**

    baci

  • amarantacris
    14 dic 06@2:58 pm:

    ti prego..mi dai il permesso di mettere queste due amarezze di foto sul mio blog?..

  • MikyInTheSky
    14 dic 06@3:41 pm:

    prego prego, facci pure

  • Leilani
    15 dic 06@6:05 pm:

    Tralasciando l’idiozia del messaggio in sé, è normale che la prima cosa che abbia pensato è “ma che bel bicipite” guardando la seconda parte del primo cartellone? Ciò significa che ho finalmente raggiunto la tanto agognata insensibilità? O magari mi sentivo meno coinvolta perchè effettivamente io tossici con delle braccia così non sono usa a vederne perciò non ho subito pensato all’eroina ma agli steroidi… ma vabbè… come hai detto tu, sappiamo da DOVE vengono questi cartelloni e non possiamo stupirci dei contenuti.