Warning: Illegal string offset 'footerstring' in /home/mhd-01/www.hardrockblog.it/htdocs/wp-content/plugins/rss-footer/rss-footer.php on line 125

Warning: Illegal string offset 'position' in /home/mhd-01/www.hardrockblog.it/htdocs/wp-content/plugins/rss-footer/rss-footer.php on line 126
Abitudini alimentari -- Hard Rock Blog - Mosso da un motore a spinta d’improbabilità
04
feb

Abitudini alimentari

Andare a vivere da soli sicuramente modifica radicalmente le proprie abitudini culinarie.

Quando c’è “mammà” che cucina a pranzo primo e secondo, spesso verso le 18 ci scappa la merenda con un bel paninozzo con salumi o pomodori e poi la cena, con un po’ di tutto, solitamente un secondo, magari sempre nel pane.

Quando invece a cucinare sono io si verificano 2 fenomeni: le portate ad ogni pasto diminuiscono di numero ma aumentano di quantità. Per quanto riguarda il primo è normale, uno studente non sarà mai una madre quindi un po’ per motivi di tempo, un po’ per motivi di soldi, un po’ per motivi di scazzo, il pranzo si riduce al primo. Ovviamente un misero piattino di pasta non basta al sostentamento celebrale di una giornata quindi le quantità aumentano e si arriva a due o tre piatti (anche perché sono una frana con le dosi e non ho la bilancia). Ogni tanto ci scappa anche il secondo ma qualcosa di davvero misero e veloce come un uovo fritto o i sofficini.
La merenda è raro che la faccia (mentre digerisco i piatti di pasta ce ne vuole). A cena solitamente mi sbizzarrisco tra carni varie in vari modi, fagiolate, super frittatonze
finali
della morte
(3 uova, cipolle,
patate e pancetta)
super frittatonze finali della morte (3 uova, cipolle, patate e pancetta) ecc ecc.

Sicuramente mangio meno pane ma non perché non mi piaccia più, il fatto è che in questa casa non ce n’è. O al massimo c’è il PaneBiancoMulinoBianco che può solo fare l’accompagnamento. Ogni tanto compaiono le ciabatte Esselunga ma questo vuol dire che sono appena andato a fare la spesa e ne ho congelate un paio ma ho preso l’andazzo di fare la spesa una volta a settimana.
Ho imparato a mangiare tante cose. In primis la cipolla, che ho imparato ad amare e ne consumo in quantità industriali, il cibo degli dei. Stessa cosa per le uova, fritte all’occhio di bue o le mega-frittatonze-finali-della-morte-extreme-edition. Ho scoperto che i fagioli sono una delle cose più buone di questa terra tentando di imitare i pranzetti di Bud Spencer nei suoi film (mangiati rigorosamente dalla padella con la cucchiaia di legno). Da quando sono in questa nuova casa poi mangio patate in quantità abnormi, almeno una volta ogni due giorni. Insomma devo dire di essermi particolarmente specializzato nella cucina povera, ma qui noi non ci facciamo problemi di raffinatezza.

  • Opperbacco
    04 feb 07@4:57 pm:

    Noi donne non ci riduciamo mai così (disse tirnado fuori i 4 salti in padella dal freezer e chiudendolo con un sculettata alla Sophia Loren)

  • f I f I febbricitante
    04 feb 07@8:53 pm:

    il pame del white flour mill andrebbe censurato.
    tu lo apri e senti il dolcissimo profumino di conservanti e di tutto sa meno che di pane.
    senza contare il fatto che è gommoso tipo ciuingam.

    consolati, mangio meno di te perchè sono la classica “donna” che non ha voglia di cucinare. (w i paninozzi )

    i 4 salti in padella fano più schifo del pane del mulino in bianco.

    …penso che se un giorno andrò via di casa mi affitterò una cuoca, magari simile alla mia mamma, che mi baccaia un po’, per non sentire nostalgia.

    e cmq… stronzo!

  • MikyInTheSky
    05 feb 07@3:55 am:

    @Operbacco: i 4 salti in barella non li compro da tanto, se devo spendere 3 o 4€ per della roba che poi tanto buona non è me ne vado a mensa.

    @fifi: “cuoco…che bella parola” cit.