22
mar

La mia vita dal satellite

Questa moda delle immagini dal satellite mi ha sempre divertito molto. Anni fa c’era solo Atlante Italiano o qualcosa del genere, un sito con le foto aeree dell’Italia anche in buona definizione tra l’altro. Poi venne Nasa World Wind che è simile a quello che poi è diventato Google Earth ma con immagini satellitari ancora piuttosto lontano. Poi è scattata la moda e ora sia Google che Yahoo che Live (di Microsoft) hanno il loro servizio di mappe. Quest’ultimo proprio l’ho scoperto qualche giorno fa e oltre ad avere le classiche immagini “a volo d’uccello” ha delle splendide fotografie aeree isometriche. Così ho deciso di fare questo posto sulle location più importanti per me.

Qui è dove vivo a Salerno e quello nel cerchio è il balcone di camera mia. Quando ho detto che vivo su un binario ero serio. Per la gioria delle mie lattine di Coca Cola che tremano ad ogni Eurostar.

Questa catapecchia che non ha nemmeno l’intonaco, infatti è molto rustica, è la mia ex scuola superiore, il Liceo Scientifico Leonardo Da Vinci.  Dietro c’è un campo di pallavolo che sembra decentemente attrezzato. Quando io ero in quella scuola era poco più di un parcheggio per motorini con il brecciolino a terra (dolori) con una rete tutta scassata in mezzo.

Da un luogo di prigioni all’altro. Questa è la mia attuale università (si spera anche per altri due anni grat grat), ossia il Velodromo dell’Università Bocconi. Se prima mi lamentavo perché non c’era il campo di pallavolo oggi mi lamento perché non c’è l’aria condizionata.

E infine la mia attuale bicocca. Se guardate bene nel cerchio, a destra di quella finestra, dovreste notare un bel ragazzo che sta scrivendo un altro inutile post sul suo blog.