10
mag

Il riscatto del pinguino

Mentre la mia tesi sulle community dei sistemi open source comincia a prendere forma (ieri sono stato dalla prof alla quale ho lasciato il questionario che ho elaborato per avere un feedback) questa settimana sono arrivate un po’ di notizie più o meno incoraggianti.

Sicuramente il fatto che la Dell abbia nel suo “parco macchine” anche qualcuna che offra Ubuntu disponibile non può che far bene a tutti coloro che usano questo sistema operativo. Più gente che usa Linux quindi più gente che frequenta le community quindi sviluppo più veloce. E poi non dimentichiamo il fattore grandi aziende che comincerebbero a dare finalmente la giusta importanza al pinguino. Ad esempio Skype che è fermo alla 1.3, quindi niente webcam, niente sms, niente chat di gruppo ecc ecc.

In Italia purtroppo siamo sempre tecnologicamente chiusi e arretrati. Mentre la Francia distribuisce 170.000 chiavi USB nelle scuole con software open source, si prepara alla migrazione a Open Office nella pubblica amministrazione e poi annuncia che il Parlamento userà Linux, in Italia il Ministro Mussi & co. hanno firmato un accordo con Microsoft la quale si impegna a devolvere circa 20.000€  all’anno in 3 centri di ricerca. E non in contanti ma in terze parti.  Ma dico io, perché accontentarsi dell’elemosina di un’azienda che l’anno scorso ha fatturato oltre 40 miliardi di dollari? Soprattutto sorge spontanea la domanda: ma a chi apparterranno i risultati di queste ricerche? Alle Università o a Microsoft?

Nel frattempo l’Associazione Software Libero si è offerta di fare accordi con il Governo per devolvere 10 milioni di euro all’anno in attività formative, soluzioni tecnologiche, materiale didattico e software. Qualche Ministro è stato subito pronto a commentare l’accordo, chissà se seguiranno i fatti.

E vediamo stavolta chi vince.

  • Momo
    11 mag 07@9:57 am:

    Ciao. Sono capitata qui per caso e volevo solo dirti che per il poco che ho letto sembri una persona interessantissima, almeno per i miei canoni. Penso che abbiamo varie cose in comune, soprattutto l’amore per l’ozio. Vabbè niente, tutto qui. Ciao ciao.

  • giovanni
    11 mag 07@3:24 pm:

    ue miche ma tu sai usare blender?fammi sapè

  • MikyInTheSky
    12 mag 07@5:01 pm:

    no giova, non ho mai fatto grafica treddì

  • Roberto Galoppini
    13 mag 07@4:47 pm:

    Dell ha i suoi buoni motivi, capisco che siano intenzionati a saltare sul carro, anche solo per motivi “tattici”. Certo è una svolta epocale, a memoria non ricordo nulla di così importante, o forse si, le pubblicità di IBM su Linux in prima serata..