14
mag

Telefilmfestival 2007

Poteva forse mancare un divoratore di telefilm come me al Telefilm festival 2007? Eh certo che no. Dopo aver preso i biglietti la settimana scorsa su un sito che si classifica tra i peggiori che abbia mai navigato (ci ho messo circa un’ora per capire quanto costassero i biglietti e ho capito in che cinema si facesse solo perché ho riconosciuto i nomi delle sale), io e la mia accompagnatrice preferita ( :* ) ci presentiamo verso le 10.30 di ieri mattina all’Apollo.

Entriamo in una sala ancora semi-vuota in cui stavano trasmettendo una puntata inedita in Italia della quarta serie dei Griffin. Finisce questa puntata ed esce un simpatico omino dicendo: “Ci ha appena chiamato Italia 1 la quale non ha avuto le necessarie autorizzazioni per trasmettere questa puntate. Ci scusiamo per il disagio e … scaricatela”. Rimaniamo un po’ basiti dalla dichiarazione finale ma aspettiamo in sala perché ci sarebbe stato South Park. Alle 11 si ri-spengono le luci e iniziano in sequenza la 10×09 e la 10×10, rispettivamente The Mystery Of The Urinal Deuce e Miss Teacher Bangs a Boy. Sicuramente due delle migliori della decima serie, che infatti avevo già visto. E cominciano le dolenti note con il doppiaggio. Era da un po’ che non vedevo South Park in Italiano ed ero rimasto ai vecchi doppiatori, questi nuovi sono pesantemente insopportabili. Altro problema tecnico sulla 10×09 perché il dvd comincia a saltare visibilmente e per qualche minuto comincia a non capirsi niente.

Oretta senza impegni particolari così rimaniamo in sala per vedere un paio di telefilm inediti in Italia. Il primo è Reno911!, una serie fatta di gag più o meno divertenti di un gruppo di poliziotti dementi e prodotta sempre da Comedy Central. Memorabile però la battuta “Guarda amico, per cantare devi saper usare il diaframma” “La mia ragazza usava il diaframma ma è rimasta lo stesso incinta!” Altra serie doppiata uno schifo, ma lasciamo stare. Si accendono le luci ed esce un altro tipo che annuncia “Non ci sono i sottotitoli per Rules Of Engagement, ci scusiamo per il disagio”. Eh va beh. Guardiamo questo pilot che parla di 5 amici: una coppia di sposati, una coppia di fidanzati che stanno per fare il grande passo e un quinto incomodo, un dongiovanni che dispensa consigli agli amici. Il pilot devo dire che mi è piaciuto. Approfondirò.

Alle 13 ci sarebbero state 2 puntate di Scrubs ma decidiamo di andare a mangiare al Burger King. Quando torniamo per vedere le 2 puntate inedite in Italia di House ci rendiamo conto di aver fatto la cazzata: mezz’ora prima c’era una lunga fila all’ingresso della sala, sala per altro già piena per Scrubs. Ma dico io, siete al terzo giorno di manifestazione e questo entusiasmo per House èpiù che prevedibile, fatelo in altre sale contemporaneamente o più volte al giorno!

Va beh, desistiamo, poco male perché le ho già viste. Peccato invece esserci persi Jennifer Morrison, alias la dottoressa Cameroon, che era ospite solo gli altri giorni della manifestazione. Ci andiamo a infrattare nella sala sottoterra per Murphy’s Law, una serie che invece viene dall’Inghilterra e infatti è prodotta dalla BBC. E puntualmente prima della proiezione esce un omino che annuncia che mancano i sottotitoli. Comincia la proiezione e i sottotitoli ci sono, bah. Serie poliziesca che vede come protagonista un poliziotto fallito che cerca il riscatto dopo i suoi problemi psicologici dopo il brutale assassinio della figlia.a

Approfittiamo di 2 ore di calma piatta per andare a prendere un po’ d’aria e arriviamo a Parco Sempione per ammirare la nuova trovata dell’assessorato alla cultura per pubblicizzare la mostra di Pawel Althamer: un grosso pallone gonfiato di non so quanti metri che aleggia sopra il parco che ritrae l’autore come l’ha fatto mammà.

Torniamo al cinema per la conferenza stampa di Emilio Solfrizzi, Giorgia Surina, Luca e Paolo. Aspettando l’orario ci “godiamo” uno stralcio di dibattito sui telefilm circondati probabilmente dai fanatici peggiori sull’argomento. Finalmente finisce e vengono annunciati anche Ale e Franz per la conferenza stampa. Aspettiamo e finalmente arrivano tutti e sei. Ovviamente con Ale e Franz insieme a Luca e Paolo degenera subito e ci facciamo un 3 quarti d’ora di grosse risate.

Torniamo sottoterra questa volta per le prime due puntate di Jericho, altra serie TV importata dagli USA che parla di questa cittadina, appunto Jericho, in uno scenario post-apocalittico dopo che tutte le principali città americane sono state distrutte da esplosioni atomiche. La conoscevo di nome quindi ero particolarmente curioso e non ha infranto le mie aspettative. Una serie molto bella che arriverà a breve su Rai2. I protagonisti sono un po’ troppo super eroi ma sicuramente continuerò a seguirla.

E poi, alle 22, è la volta del tormentone dell’anno: Ugly Betty, altra serie che conoscevo da un po’ pur non avendola mai vista ma che Italia1 è sul limite del farmela odiare per il bombardamento pubblicitario continuo. Allora come serie non è male ma secondo me si vede troppo lo zampino della Disney che l’ha prodotta: buoni sentimenti, personaggi psicologicamente nulli e stereotipati. Certo, fa ridere, insomma una serie da prendere molto alla leggera. Attorno alle 23.30 uscimmo fuori a riveder le stelle.

Sicuramente una buona manifestazione, con una buona offerta di telefilm e sit-com. Prezzo accessibile, 12€ ma c’era la possibilità di avere dei pass gratuiti dalle 17 in poi su Milano Tonight. Il problema è stata sicuramente l’organizzazione tra puntate saltate e sottotitoli che non si trovavano. Per non parlare del sovraffollamento delle sale nelle proiezioni più importanti. Non credo ci volesse molto a masterizzare i dvd che trasmettevano e mandarne una copia a una sala che nel frattempo era vuota. Pochi gadget, e questo è male, molti ospiti, e questo è bene.

Mi dispiace essermi perso Studio 60 on Sunset Strip che ha avuto un discreto successo in USA e del quale ho visto la prima puntata. Ero in treno e non l’ho mai finito di vedere e perciò volevo dargli un’altra possibilità. Volevo dare una sbirciatina alla versione italiana di 6 Degrees, la serie di JJ Abrams che non ha avuto molto successo in USA e fin’ora non ho trovato nessuno che come me l’apprezzi. E poi volevo vedere Dirt, che credo abbia comprato Italia 1, ma era in contemporanea con la conferenza stampa. Scaricherò. Mancavano alcune serie di spicco come Lost i C.S.I., non saprei perché.

Credo che tornerò a farci un giretto l’anno prossimo.

  • giovanni
    15 mag 07@10:32 am:

    ho cliccato sul forum ma non mi esce niente..scusa ma perchè non pubblichi come post il (tuo ipotetico)programma per Londra?

  • MikyInTheSky
    15 mag 07@11:09 am:

    beh mi sembra meglio una cosa più interattiva. cmq ho cambiato l’indirizzo a cui punta quel pulsante, date un po’ un’occhiata a questo forum se funziona sennò m’arrendo.