18
giu

Milano ha un nuovo supereroe

Per chi non è di Milano o non ha mai frequentato la vita notturna, le Colonne di San Lorenzo a Porta Ticinese sono una zona di ritrovo come se ne vedono poche. E’ abitata dalla popolazione un po’ più “alternativa” di Milano e già dal primo pomeriggio passando ci trovate punkettoni, metallari, dark, mods, emo e chi più ne ha più ne metta. Quando poi comincia a calare la notte nell’aria si fa spazio una concentrazione di alcol (e non solo) che le polvere sottili milanesi si sognano. Tutti vendono birra in Ticinese: oltre ovviamente ai bar ci sono i kebbabbari, gli ambulanti, i tabbaccai e perfino una rosticceria cinese che di rustico ha solo le pareti rimane aperta fino alla mattina. Ci manca solo il mitico veterinario Dottor. Delle Donne che sta in Corso di Porta Ticinese.

Quella che viene detta “Le Colonne” è una piazza che sta subito dietro Porta Ticinese formata da un colonnato piuttosto vecchio, non ne ho idea di che periodo sia, tra le cui colonne è tradizione sedersi per sbronzarsi. Insomma c’è sempre tanta allegria nell’aria. Inutile dire che la domenica mattina la piazza si trasforma in un tappeto di bottiglie di vetro.

E così Letizia ha iniziato a prendere provvedimenti. Prima ha aumentato il numero di poliziotti che presidia la piazza nelle serate più calde, poi ha proibito di uscire in strada con le bottiglie (facendo nascere la professione di sbottigliatore davanti le porte dei locali) e poi, pessima scelta, da qualche weekend ha transennato tutta la piazza lasciando solo un corridoio di passaggio. Per quanto mi riguarda scelta inutile e senza senso. Se si vuole preservare le colonne allora che senso ha chiudere un’intera piazza? Al limite transennate le colonne! Se invece si vuole ridurre la spazzatura la scelta ha ancora meno senso perché tutto si sposta nella piazzetta adiacente sotto la porta.

E c’è chi ovviamente ha protestato. E chi poteva rispondere se non il nostro amichevole Uomo Ragno di quartiere?

[youtube k2-w29c0xnw spiderman]

Però il costume è bellissimo, chissà dove l’ha preso.