15
ago

Considerazioni valenciane

Rieccomi tornato da Valencia! Quest’anno però niente cronaca giorno per giorno come l’anno scorso perché fu una vacanza diversa. Valencia è una bella città, ha un centro molto carino, anche se non particolarmente grande, e nonostante i suoi oltre 800.000 abitanti è molto a misura d’uomo.

Certo che non è proprio iniziata al meglio visto che a Ciampino appena ci imbarcano sull’aereo ci fanno riscendere per un allarme sicurezza e l’aereo riparte con oltre 3 ore di ritardo. Arrivati a Valencia la tizia degli appartamenti ci dice simpaticamente che non ci può dare le chiavi fino alla mattina dopo. Notte in aereoporto su scomodissimi seggiolini e con l’aria condizionata a mille.

Dopo mille casini tra taxi introvabili nella Valencia mattutina riusciamo ad entrare nella casa. I giorni successivi si dividono tra mare, poco visto il tempo abbastanza sfigato, e il centro città. Noi eravamo su Avenida della Malvarosa quindi la parallela alla strada con la spiaggia più frequentata, nel cuore del quartiere gitano.

Valencia è una città che spesso mi ha ricordato Milano come struttura. Milano però architettonicamente non regge il confronto. I palazzi di Valencia sono eccezionalmente belli, quasi come Barcellona. Sono quasi tutti abbastanza moderni ma manca totalmente il grigiore che c’è in Italia per le costruzioni del ventennio e del boom edilizio degli anni 60 e 70. Senza poi contare gli edifici della Città delle Arte e delle Scienze che sono tra i più belli del pianeta. Poi dopo l’America’s Cup ha goduto di un restyling totale. E ha un sistema di trasporto pubblico davvero invidiabile almeno nelle ore diurne. Una delle poche pecche è la lingua: è inutile che vi avvicinate a qualche spagnolo parlando in inglese, parlate direttamente in italiano se non conoscete il castigliano. Nemmeno al centro informazioni della stazione c’era qualcuno che conosceva l’inglese.

Quando pensiamo all’Italia e alla sua situazione economica e sociale ci viene in mente che chi sta peggio di noi sono Spagna, Portogallo, Grecia escludendo i paesi dell’est. Credo che oramai la Spagna possa essere tranquillamente tolta da questa lista, e un bel po’ di merito secondo me l’ha avuta la cura di Zapatero.

Bonus track la mia esperienza sull’affare del museo delle arti e della scienza!

[youtube LI7g6ObDzsQ me]

  • ce
    16 ago 07@4:49 pm:

    nel video avrei anche voluto vedere la discesa dall’affare! comunque valencia sembra proprio interessante…come hai fatto per trovare l’appartamento?

  • MikyInTheSky
    16 ago 07@6:18 pm:

    ah guarda pensavo di peggio (riguardo la discesa dall’affare), lo stomaco era apposto ma hai solo quella stranissima sensazione di avere testa e piedi pesanti perché carichi di sangue per la forza centrifuga.
    L’appartamento lo abbiamo trovato tramite agenzia, dovrebbe essere accomodationvalencia.com

  • yle
    21 ago 07@1:07 am:

    Oh.mio.dio!.. ma esattamente era un simulatore di che cosa?! il mio stomaco si sarebbe ribellato alla seconda giravolta^^

  • MikyInTheSky
    22 ago 07@8:00 pm:

    credo di allenamento spaziale o qualcosa del genere….