08
set

Buon vaffanculo day

  1. NO AI PARLAMENTARI CONDANNATI
    No ai 25 parlamentari condannati in Parlamento – Nessun cittadino italiano può candidarsi in Parlamento se condannato in via definitiva, o in primo e secondo grado in attesa di giudizio finale
  2. DUE LEGISLATURE
    No ai parlamentari di professione da venti e trent’anni in Parlamento – Nessun cittadino italiano può essere eletto in Parlamento per più di due legislature. La regola è valida retroattivamente
  3. ELEZIONE DIRETTA
    No ai parlamentari scelti dai segretari di partito – I candidati al Parlamento devono essere votati dai cittadini con la preferenza diretta

Tre semplici ma importanti punti. Oggi in centinaia di piazza in Italia si firma per il V-Day, il così detto vaffa-day o il Grillo-Day. Non mi soffermerò più di tanto sui contenuti di questa proposta di legge su iniziativa popolare che poi, se si raggiungono le 500.000 firme diventerà referendum, quanto su due lati dell’Italia che sono emersi da questo giorno che non ha precedenti in Italia.

Innanzitutto è la prima inziativa che nasce su internet e che riscuote tanto successo, nonostante sia praticamente non coperta da i media tradizionali. Stamattina ero in Piazza San Babila e c’erano molte decine di persone, credo tranquillamente un centinaio, che aspettavano composti in fila per 30 o 40 minuti che arrivasse il loro turno. Cose che in Italia non sono di certo all’ordine del giorno. Il primo aspetto è proprio questo: in Italia c’è tanta gente con una coscienza sociale, abbastanza che non te lo aspetti.

Secondo aspetto: il resto dell’Italia. Tranne pochi servizi su tg e giornali la cose è passata sotto silenzio sui media tradizionali. Sui siti di Corriere e Repubblcia ci sono solo trafiletti semi nascosti. Io non so alle primarie dell’Unione come è stata la partecipazione ma contando che questo non è un movimento strutturato come può essere un partito io sono rimasto stupito di vedere tutta quella gente in Piazza San Babila.

Tutto quello che serve per informarvi su questa giornata lo trovate qui.

E queste sono le foto scattate in piazza San Babila.

  • Glisbille
    08 set 07@2:00 pm:

    …..lo sanno davvero in pochi, ma forse sono quei pochi che devono saperlo. Magari la prossima volta andrà meglio, ad ogni modo i media tradizionali sono un’indecenza.
    Gi

  • kate
    08 set 07@6:28 pm:

    io tra un pò vado in piazza a bologna!! ;-)

  • Lucia
    08 set 07@11:32 pm:

    Effettivamente è stato un grande successo, anche nella mia “sperduta” città, Barletta,molta gente fino a sera continuava a mettere la propria firma…

    Sbaglio o hai messo uno zero di troppo?

    PS:il tuo è davvero un gran bel blog che certamente continuerò a leggere! Complimenti. ^^
    Lucia.

  • davide
    09 set 07@11:46 am:

    Ovviamente ho firmato, ho mandato anche i miei genitori e giovanni era con me…Roberto doveva firmare, ma arrivato al palchetto ha scoperto di non aver con se i documenti…

  • giovanni
    09 set 07@1:52 pm:

    una curiosità..che vuol dire che sei candidato ibis?

  • davide
    09 set 07@5:54 pm:

    Che il suo blog potrebbe vincere un premio (in sintesi).

  • Opperbacco
    10 set 07@9:42 am:

    Non so cosa dirti su questo V-day, spero non si chiuda senza aver ottenuto nulla.

  • andrea
    10 set 07@9:43 pm:

    ma come? Ti ho linkato sul mio (ormai congelato) blog come “il ragazzo perfetto” e mi finisci all’iziativa markettar-populista-qualunquista-semplicistica
    -inutile del Grillo nazionale?
    Dov’e’ la profonda autocoscienza ed understatement che mi facevan pensare che tutto avessi capito ed in particolare avessi realizzato che l’unica politica possibile e’ quella del Pannellone e dei radicali?
    How sad…
    Mi ritiro sconfortato

  • MikyInTheSky
    10 set 07@11:34 pm:

    oltre che nel nome credo ci sia poco e niente di populista. cercare di organizzare persone e di risvegliare una coscienza sociale tramite internet per un’iniziativa di legge popolare non vuoi dire necessariamente essere populisti. non è una proposta inutile perché 300.000 firme sono oltre la metà di quelle necessarie per chiedere un referendum, cosa concreta visto che la legge è stata depositata in cassazione. non è inutile perché qualcuno si è incazzato, vedi il pierferdi, e perché paradossalmente i media non ne hanno quasi parlato.
    per quanto riguarda la rosa nel pugno è un partito in coma che ad oggi non ha futuro.

  • andrea
    11 set 07@8:53 pm:

    Grazie per la replica. Non voglio qui battibeccare quindi mi permetto quest’altro commentino, poi taccio, felice di riprendere il dialogo in privata sede (aka mail stieglitz69@gmail.com). Solo che le tre iniziative mi paiono veramente piu’ tese a suscitar facili consensi che a far prender coscienza. Come radicali e’ dal ‘74 che proponiamo l’abolizione del finanziamento pubblico dei partiti. Pure vincemmo un referendum, e ora ne han fatto strame con il raggiro del rimborso elettorale: non ho visto folle in piazza, come mai?. L’azione di Grillo ha avuto eco sui media come tutte le azioni di fronda, mentre quelle di sostanza rimangono censurate (vedi moratoria per le esecuzioni capitali). Si la Rosa e’ in letargo ma la Luca Coscioni, Hands off Cain, Radicali Italiani et al. decisamente no.
    Sperando in un suo ravvedimento, la ringrazio ancora per lo spazio concesso :-)