13
set

Katar: dove le multinazionali si piegano a dio

Sosta intermedia a Doha, capitale del Qatar, prima di ripartire stasera per l’India. Ora sto scrivendo dall’aereoporto della città, il primo nel quale trovo il WiFi gratis. L’atterraggio stamattina c’è stato attorno alle 5:30 ora locale e contando le 18 ore di sosta mi sono fatto fare un visto turistico al volo (al prezzo di 100 riyal, circa 20€, gli indiani dovrebbero imparare) e me ne sono uscito. Inutile dire il caldo bestia che c’era fuori, ed erano le 6:30 di mattina.

Ho preso un taxi e mi sono fatto portare al Villaggio, il centro commerciale più grande del Medio Oriente, con ambientazione veneziana (con tanto di canale e gondole) e una galleria ispirata alla Vittorio Emanuele di Milano. Ovviamente quando sono arrivato alle 7:00 c’eravamo io e il tizio che puliva. Mi sono fatto così un giro per gli edifici intorno. Vicino al centro commerciale c’è uno stadio davvero bello usato per i giochi asiatici del 2006, il Kalifa International Stadium, e una torre alta oltre 300 metri, la Aspire Tower, a forma di torcia olimpica. Purtroppo ora la memory card si rifiuta di caricarsi dal pc quindi non posso mettere foto.

Alle 8:30 entro nel mall (ah che bella l’aria condizionata) e ovviamente dentro tutti i negozi sono chiusi. Mentre guardo dei ragazzini, figli di lavoratori occidentali, che giocano ad hockey nella pista di pattinaggio all’interno del centro (sì, una pista di pattinaggio sul ghiaccio praticamente in mezzo al deserto) cominciano ad aprire i negozi. Con i negozi arrivano anche i clienti e fa un certo effetto vedere le tizie con il burca fare shopping da Zara.

Con mio grande rammarico noto che con i negozi di vestiti non aprono quelli di cibo, tra cui McDonald, KFC, Starbucks e Pizza Hut. E così collego a quello che hanno detto all’atterraggio e cioè che trattandosi del periodo del ramadam è severamente vietato mangiare e bere prima del tramonto. Ora non so dire se questo divieto valesse anche per i non mussulmani (la cosa non mi stupirebbe, si tratta pur sempre di una monarchia assoluta), fatto sta che non ho visto nessuno mangiare o bere anche tra gli occidentali quindi mi sono dovuto trattenere dal comprare schifezze al Carrefour.

Dopo aver perso le speranze di mangiare qualcosa di interessante ho prelevato 100 riyal (anche perché sono convinto che all’andata il tassista mi abbia preso per il culo alla grande con il cambio dato che ho pagato in sterline) e me ne sono tornato in aereoporto, dove giaccio ora alla ricerca di un buon modo di perdere queste 6 ore prima dell’imbarco.

  • b.trate
    15 set 08@9:38 am:

    Ciso..sono capitato nel tuo blog perc aso,cercando template da utilizzare su splinder.Volevo chiederti se posso usare il tuo che è davvero ben fatto e curato e legendo la tua biografia credo si addica propio alla tua persona=).Al di la di questo volevo chiederti anceh se potessi rimandarmi il codice magari tramite una mail perchè quello eh tu hai postato provandolo su splinder no mi visualizza praticamente nulla. So di chiederti molto ma spero in una tua risposta.A presto ciao

  • giovanni
    19 set 08@10:38 am:

    buon viaggio e in bocca al lupo!!!