16
nov

Tunatic: lasciate che la musica venga a me

Un tempo quando non si conosceva il titolo di una canzone, magari di uno spot, si andava dall’amico esperto e si chiedeva un parere. "Mica sai qual è la canzone del nuovo spot della mulino bianco?". In questo caso non sarebbe stato difficile, sicuramente sarebbe stata una canzone dei Queen. Nell’era digitale l’amico esperto diventa disoccupato, ci pensa Tunatic!

Per far si che Tunatic provi a riconoscere la canzone che state ascoltando (e ci riesce molto spesso) basta scaricare e installare il client di poche centinaia di kb, disporre di un microfono, anche quelli fetenti da 2€ come il mio, e della sorgente audio a portata di mano. Ho provato ma cantando nel microfono non funziona, ma quando canto io anche un orecchio umano non riconoscerebbe quello che sto cantando. Tunatic analizza lo spettro della canzone e lo compara con quelli presenti nel suo database. Ovviamente dimenticavo che è fondamentale la connessione a internet. Se siete utenti mac (ma preso anche windows) è possibile scaricare anche il software per contribuire ad allargare il database di Tunatic che analizza i vostri mp3 e ne immagazzina i dati rilevani.

Ma vediamo le prove. Ascolto molto spesso in streaming Virgin Radio Classic Rock e come molte radio online, per non permettere la registrazione automatica delle canzoni, non fa comparire titolo e artista direttamente sul player dell’utente ma bisogna andare sul sito per reperirlo. Su 6 canzoni ne ha riconosciute 5: Burn dei Deep Purple, Doctor My Eyes di Jackson Browne, The Needle & The Damage Done di Neil Young e My Generation degli Who. Quella mancata invece è degli Aerosmith ma non so quale sia poichè non è stata nè annunciata nè è comparsa sul sito.

Trattandosi di un software non italiano ho provato comunque a fargli riconoscere tracce nostrane con risultati sorprendenti. Sono partito con Battiato e mi ha riconosciuto 3 tracce su 3, una molto conosciuta, una media e una semi-sconosciuta, rispettivamente Centro di Gravità Permanente, E Ti Vengo a Cercare e Clamori. Poi ho provato con i Baustelle, per un Romantico a Milano non ha avuto alcun problema mentre per  Arrivederci non ha trovato corrispondenze, ma è anche l’ultima traccia del loro primo album, mancanza perdonabile. Impressioni di Settembre della PFM senza problemi e anche De Andrè è stato riconosciuto subito: sia Don Raffaé che Creuza de Ma sono state indovinate in meno di 10 secondi, prima che Faber iniziasse a cantare. Poi ho cambiato un po’ genere. Del trip-hop dei Massive Attack mi ha riconosciuto una canzone arcinota come Karmakoma mentre niente da fare per Future Proof. Riconoscimento perfetto e immmediato anche in materia di classica, Suite n3 in D maggiore di Bach (la musica di Quark per intenderci), e di opera, Sull’Aria da Le Nozze Di Figaro di Mozart interpretato da Maria Kallas.

Riassumendo, su 18 tracce solo 3 non sono state riconosciute. Mi sembra un ottimo risultato per un progetto ancora poco conosciuto ma di tante belle speranze.

14
nov

Turn your mobile into a laptop

Rendere il proprio telefonino un po’ più produttivo di quello che è già, usarlo non solo per mandare messaggi o telefonare, non è poi così difficile di questi tempi. Parlo secondo la mia esperienza di felice possessore di Nokia 6680 ma questi consigli dovrebbero adattarsi a qualsiasi telefonino che disponga di GPRS e Java2Me. Ovviamente tutto quello che segnalo è gratis ma la connessione a internet costa, a meno che non siate fortunati possessori di un cellulare con scheda wireless integrata, oppure avete una flat (come me).

1. Email:
non ce n’è per nessuno, la migliore casella di posta sul web è Gmail di Google. Attualmente offre 2700Mb di spazio totalmente gratuito e in continuo aumento. Se ancora non avete una casella contattatemi per un invito. Google ha pensato anche ai possessori di telefonini con un software dedicato che permette di eseguire tutte le operazioni che potreste eseguire dal pc sulla vostra casella di posta. Per scaricare il programmino puntate il browser del telefonino su www.gmail.com e seguire il link "a faster Gmail". Se invece non volete installare alcun programma ma non volete rinunciare a consultare la casella basta inserire i dati per accedere a una versione di gmail ottimizzata.

2. Calendario:
ancora una volta Google è la piattaforma più utilizzata con il suo Google Calendar, un ottimo calendario web-based. Molti telefonini hanno un calendario incorporato e per sincronizzarlo con quello online ci sono un paio di metodi. Registrandovi Goosync vi verrà mandato sul telefonino un messaggio di configurazione. Una volta salvati i dati (operazione automatica, con il Nokia dal messaggio Opzioni -> Salva) per il Nokia 6680 accedere al menù Connessione -> Sincronizzazione e selezionare Goosync. Attualmente non è possibile sincronizzare gli eventi ricorrenti. Un secondo metodo è quello di scaricare e installare sul telefonino Gcalsync, una piccola applicazione che farà lo stesso lavoro e che in più sincronizza gli eventi ricorrenti e sia da Google verso il telefonino che viceversa.

3. Browser: se Opera sui pc riveste un ruolo di secondo piano rispetto a Firefox o IE sui telefonini fa da padrone con una versione Mini. Si tratta di un browser di gran lunga migliore di quello di default della Nokia, che gestisce meglio il traffico riducendolo e ha una migliore usabilità e interfaccia. Per scaricarlo gratuitamente cliccare quì . E’ disponibile anche una beta version della 3.0 quì.

4. Messaggistica: ancora una volta c’è una soluzione web-based e una che comporta l’installazione di un software. Per la prima andare tramite il telefonino su www.ebuddy.com/mobile dal quale è possibile loggarsi su MSN, AIM e Yahoo senza installare alcunchè. L’utilizzo è semplice e immediato. Non l’ho trovato però compatibile con Opera, solo con il browser della Nokia. Invece Nimbuzz fornisce un proprio software dal quale è possibile collegarsi a MSN, Yahoo e Gtalk, oltre agli altri utenti Nimbuzz. Verso questi ultimi è anche possibile effettuare delle chiamate come se fosse un software di VOIP, aspettando che ci sia finalmente un porting di Skype decente. Inoltre ha qualche funzione in più rispetto a ebuddy come una migliore notifica dei messaggi ma ha anche un maggior carico di traffico (nel caso abbiate una tariffa a consumo).

5. Mappe: i servizi di mappe stanno diventando sempre più importanti per i big di internet. Se siete ancora dei fan di Google potete accedere all’equivalente di Google Maps per cellulari tramite questo software. Se invece preferite il Creative Commons c’è quest’altro programma che permette di scegliere tra MSN, Google, Yahoo e Ask.com. Entrambi permettono di ricercare non solo indirizzi (where) ma anche servizi (what), ad esempio pizza a Milano (se siete masochisti).

Se ne conoscete altri in alto c’è il tasto commenti, provvederò ad aggiornare il post!

05
nov

Tolgo la polvere

Oramai è qualche giorno che non do segni di vita su questo blog, crisi creativa passeggera . Le mie giornate passano in bliblioteca sul caro vecchio Cabral, un buon libro di economia industriale, il mio prossimo (e ultimo) compitino per questa sessione.
Diamo un senso a questo post segnalando un paio di link interessanti:
www.rockcastitalia.com: podcast di un simpatico ragazzo ligure che presenta una serie di canzoni podsafe, consiglio a tutti di metterlo nel feed aggregator.
http://www.gameharvest.com/play145-TANKS.html: un gioco una droga, lo scopo è fare fuori i carriarmati avversari prima che loro facciano lo stesso con il nostro. Controlli intuitivi: frecce direzionali per muovere il carroarmato e il cannonre, q w per cambiare arma e pagsu e paggiu per dosare la potenza del colpo.