03
lug

Mostly Harmless

Praticamente Innocuo, quinto libro della trilogia della Guida Galattica per Autostoppisti, non è dicerto il più riuscito della serie. Soprattutto la prima metà del libro si tira avanti a stento, nonostante gli ottimi argomenti che DNA aveva deciso di affrontare. Dall’arrivo di Casualità in poi però c’è un netto cambiamento, e la storia torna ad avere quella freschezza a cui ci ha abituati negli anni.

C’è però un capitolo che mi è piaciuto particolarmente. E’ quello in cui arriva la nuova Guida. La nuova Guida non tratta solo dell’universo come lo conosciamo, ma di tutti quelli possibili. Con una mossa perfetta di marketing infatti i nuovi proprietari della Guida l’hanno resa fruibile in tutti gli universi, a tutte le dimensioni e in tutte le direzioni del tempo, aumentandone quindi esponenzialmente il mercato potenziale. Quindi ogni volta che un lettore apre la Guida questa si setta a seconda della percezione dell’utilizzatore:

- Be’, invece stavo indietreggiando, indietreggiando nel tempo. Uhm. Allora, credo che oramai abbiamo chiarito tutto. se ti interessa, posso dirti che nel vostro universo vi muovete liberamente in tre dimensioni che chiamate spazio. Vi muovete lungo una linea retta in una quarta dimensione che definite tempo (coff coff anche se nella teoria della relatività generale si dice che lo spazio-tempo non è una linea retta ma può essere curvata n.d.M.), e restate fermi in un unico punto, il che rappresenta il primo fondamento della probabilità. Dopo la faccenda si fa un po’ complicata, e succedono innumerevoli cose che non ti piacerebbe affatto conoscere nelle dimensioni che vanno dalla 13 alla 22. Per il momento ti basti sapere che l’universo è assai più complesso di quanto tu possa pensare, anche se parti dal presupposto che sia fottutamente complesso. E’ chiaro che posso evitare termini come “fottutamente”, se ti disturbano.

22
ott

Praticamente Innocuo!

Questa laurea specialistica è davvero deleteria. Oggi ho passato dalle 10.30 alle 14.30 a lezione e dalle 14.30 alle 21 circa per il lavoro di gruppo a discutere di avocadi e come rilanciarli nel mercato italiano. Domani mattina dalle 9 alle 12.30 a parlare di Tachipirina, dalle 12.30 alle 17.45 a lezione e poi chissà quale gruppo mi convocherà. Tanto, c’è la notte per studiare. E per giusto per tranquillizzarci oggi ho saputo che il secondo semestre è anche peggio. Urrà. Menomale che almeno le materie mi piacciono un po’ tutte.

Ma parliamo di cose allegre. Finalmente ho fatto mio il quinto libro della grandissima trilogia di Douglas Adams, Praticamente Innocuo! Per chissà quale mistero di-vino la Mondadori ha aspettato 8 anni dalla pubblicazione della Guida Galattica per stampare anche l’ultimo capitolo nella serie degli Oscar Mondadori. Anzi, non sarebbe dovuto essere l’ultimo libro della serie ma il sesto capitolo non ha mai visto la luce a causa della morte del geniale autore per attacco di cuore (tra l’altro molto amico di Richard Dawkins il quale gli ha anche dedicato The God Delusion). Il Salmone del Dubbio, raccolta postuma e non completa, può essere considerata un assaggio di questo libro che nessuno leggerà mai…

42 a tutti!

25
lug

Praticamente Innocuo? Praticamente Introvabile

Grandi notizie dal mondo della carta stampata! E’ previsto infatti che Feltrinelli ristampi, finalmente, l’ultimo episodio della trilogia in cinque parti di Douglas Adams completando anche in Italia la serie. Mostly Harmless è stato pubblicato per la prima volta nel 1992 in Inghilterra come temporanea chiusura della serie de La Guida Galattica per Autostoppisti. L’11 luglio del 1993 uscì nella serie Urania, la famosa serie in edicola di romanzi di fantascienza, ma da allora non è stato più ristampato. Le poche copie che si trovano in giro di quell’edizione arrivano anchre a 80€ su ebay.

Ieri ho letto invece la splendida notizia su Anobii:

Praticamente innocuo
Douglas Adams

Casa editrice: Mondadori
Collana: Oscar piccola biblioteca
Anno pubblicazione: 2007
Prezzo: 8,40
Genere: letteratura internazionale
Volumi: 1
Pag: 140

Descrizione:
Ormai la Terra è stata demolita dai Vogons per fare posto a una nuova circonvallazione iperspaziale: l’abbiamo letto nei primi quattro capitoli della saga iniziata con la “Guida galattica per gli autostoppisti”, unica “trilogia in cinque parti” della storia della letteratura. Ma le geniali e pazzesche avventure del terrestre Arthur Dent e del suo amico alieno Ford Prefect non sono ancora finite. L’irriverente demenziale umorismo di Douglas Adams non si ferma, ed ecco allora il quinto capitolo degli esuli delle galassie: un nuovo romanzo sulle tracce di un’antica patria scomparsa, il terzo pianeta del sistema solare, di cui la mitica Guida galattica riporta solo due parole: “Praticamente innocuo”.

L’uscita prevista non dovrebbe essere prima di settembre ma dopo tutti questi anni un paio di mesi passano subito!

Addio, e grazie  per tutto il pesce.

17
mag

Towel Day 2007

La Guida Galattica per gli Autostoppisti dice alcune cose sull’argomento asciugamano. L’asciugamano, dice, e’ forse l’oggetto piu’ utile che un autostoppista galattico possa avere. In parte perche’ e’ una cosa pratica: ve lo potete avvolgere intorno perche’ vi tenga caldo quando vi apprestate ad attraversare i freddi satelliti di Jaglan Beta; potete sdraiarvici sopra quando vi trovate sulle spiagge dalla brillante sabbia di marmo di Santraginus V a inalare gli inebrianti vapori del suo mare; ci potete dormire sotto sul mondo deserto di Kakrafoon, con le sue stelle che splendono rossastre; potete usarlo come vela di una mini-zattera allorche’ vi accingete a seguire il lento corso del pigro fiume Falena; potete bagnarlo per usarlo in un comattimento corpo a corpo; potete avvolgervelo intorno alla testa per allontanare vapori nocivi o per evitare lo sguardo della Vorace Bestia Bugblatta di Traal (un animale abominevolmente stupido, che pensa che se voi non lo vedete nemmeno lui possa vedere voi: è matto da legare, ma molto, molto vorace); infine potete usare il vostro asciugamano per fare segnalazioni in caso di emergenza e, se e’ ancora abbastanza pulito, per asciugarvi, naturalmente.

Sperando che prima di allora, ma speriamo anche di no visto che è il mio compleanno, una flotta di Vogon non venga a distruggere la Terra per costruirci una superstrada intergalattica, il 25 maggio sarà il Towel Day, ossia il Giorno dell’Asciugamano. Giunto oramai alla sua settima edizione fu celebrato la prima volta, ahimè, 14 giorni dopo la morte di Douglas Adams, compianto autore della serie La Guida Galattica Per Autostoppisti. I fan della serie quindi quel giorno semplicemente girano con un asciugamano, magari alzando ogni tanto il pollice al cielo sperando che passi un’astronave, possibilmente di Eroticon 6, che li carichi su e li porti a mangiare un boccone al ristorante al termine dell’universo.

Addio, e grazie per tutto il pesce.

Il sito ufficiale dell’iniziativa