01
nov

Father Halloween

Ieri era Halloween, la notte delle streghe, nonché il compleanno di Simona. Così dopo un anno da quando l’ho visto per la prima volta su Flickr ho potuto sfoggiare il mio costume tanto desiderato. Facile da realizzare, economico e di impatto. Dopo casa di Simona infatti siamo stati all’Alcatraz dove devo dire che ho suscitato un certo interesse, ero armato anche di Vangelo e crocefisso per benedire le anime in pena. Ho posato per varie foto anche se quelli che proprio non ho capito erano quelli che urlavano “Porco Dio” quando io passavo. Forse non capivano che non ero un vero prete. Boh.

00037

Pentitevi!

01
nov

Canta la ballata della zucca con noi

Povero Halloween, tutti se la prendono con lui. Festa pagana, è solo una ricorrenza commerciale, peccato che tutte le feste del nostro calendario, da Natale a Ferragosto, abbiano tutte la stessa origine pagana e oggi siano diventate nel corso degli anni feste commerciali. Una in più non fa molta differenza.

Oramai però è ufficiale: ha definitivamente preso piede anche in Italia. Se da qualche anno a questa parte si limitava a qualche festicciola in casa o in qualche locale ieri la cosa ha preso una brutta piega. Ordino la pizza con Andrea (un’ottima margherita con salame piccante e gorgonzola) e mentre la mangiamo in cucina si cominciano a sentire diaboliche urla di ragazzini per le scale. E infatti dopo 5 minuti ecco che suonano alla porta. Chiudiamo luci e televisione e guardiamo dallo spioncino. Un’invasione di marmoccihi. Almeno 6 o 7 di loro avevano invaso il pianerottolo.

Quante caramelle possono esserci in una casa di studenti fuori sede? Nessuna. Stavo andando a prendere la bottiglia di vino per offrirne un bicchiere ai marmocchi quando Andrea ha avuto la più saggia decisione di non aprire la porta.