20
mag

icniV aD ecidoC lI

Ed eccomi di ritorno dalla visione del film più discusso degli ultimi tempi. Devo dire che non ricordo una tale mobilitazione di alte sfere e piccoli credenti per una pellicola cinematografica.

Premetto che parlerò senza molto ritegno quindi sconsiglio la lettura a chi non ha almeno letto il libro ma ha intenzione di andarlo a vedere.

Non so se il libro è scritto meglio (ma ne dubito leggendo alcune recensioni) ma la storia non è tutta questa suspance: si tratta di una serie di spostamenti della coppia protagonista in cui lo spettatore si aspetta già quello che poi in effetti verrà trovato. Tranne un’unico sbandamento dalla sedia Ron Howard non ha saputo creare scene sul filo del rasoio, che tengono lo spettatore incollato alla poltrona. Si rivela un susseguirsi di chiese, catacombe, viste dall’occhio piuttosto noioso dello studioso che si comporta da tale. Onorevole ma non adatto a una pellicola. Non è un film d’azione perchè non ci sono scene d’azione o di avventura quindi niente Indiana Jones e l’Ultima Crociata. Non è un film storico perchè, come già detto, si basa su fondamenta d’argilla. Ma anche come la trama principale è incastonata in questo contesto pseudo storico lascia il tempo che trova, avrei messo la mano sul fuoco già dal primo tempo sull’identità della protagonista femminile.

Il doppiaggio pessimo con una commistione di luoghi comuni, non vedo alcun motivo per cui i francesi quando parlano in italiano, debbano tutti  avere le r mosce. Questo ha influito molto sul mio giudizio sugli attori come Audrey Tautou e Jean Reno, che solitamente apprezzo molto e che mi è sembrato tutt’altro che brillante in questo caso.

Ho sbadigliato più volte durante la visione del film e nella scena clou è scappata anche una risata generale. E allora da dove arriva il successo di questo film? Perchè tanta gente ha comprato il libro? Semplice, perchè alla gente piace credere nelle favole e quale favola è più intrigante di quella di Gesù? Diventa quasi seducente anche solo osare pensare che la figura che sin da bambini è stata dipinta come divina possa essere stata talmente umana da sposarsi e che tutta la successiva storia dell’umanità sia stata pilotata per nascondere questo "terribile" segreto, tanto importante che avrebbe fatto perdere tutto il potere della più grande istituzione della storia.

La stroncatura  generale è proprio dovuta al fatto che quella favola su di me non ha avuto effetto. Più volte mi sono informato, ben prima che il Codice Da Vinci uscisse e facesse parlare di sè e tutta la materia non mi era affatto nuova quindi ogni passo che conduceva al successivo mistero, la questione degli apostoli all’ultima cena, i templari, i merovingi, il femmineo, il sang real, era un qualcosa che mi suonava di già visto troppe volte. Mi meraviglio che non  ci abbiano infilato dentro anche Rennes Le Chateux.