21
set

Home Sweet Home

E’ l’ultima volta che scrivo dall’appartamento di Via Zamenhof 2. Che tristezza, sto per lasciare la mia prima casa in cui ho vissuto da solo per ben 2 anni. E non l’ho nemmeno rasa al suolo (sedie e letti a parte). La casa in cui ho imparato a cucinare, di tante serate con gli amici (di Milano e di Salerno), la casa dell’ammore (galeotto fu quel divano per Ferrigno e Milena) e anche ovviamente la casa dello studio…certo…coff coff…

21092006(004)

21092006(005)21092006(001)

Fino a lunedì potrei essere non regolare a postare oppure potrei non postare affatto perchè il tecnico di Fastweb è atteso per la settimana entrante…abbiate pazienza. Fino ad allora buon weekend e se mi volete domani sera dovrei essere al Transilvania a vedere i Baustelle!

31
ago

Collezioni pop

Pochi sanno, o meglio tutti quelli che sono venuti a casa mia, quali sono le mie 2 "grandi" collezioni. In questo post, e nel prossimo, vi parlerò proprio di queste 2 piccole mie passioni.

La prima, forse quella più strana (beh oddio anche l’altra non è tanto normale contando l’età), sicuramente quella che colpisce di più entrando in camera mia, è la mia piccola pila di lattine di coca cola. Iniziai nel 1994 con quelle dei mondiali (che nella foto sono in alto a destra) e da allora non ho più smesso. Non ho mai raggiunto livelli tali da andarle a comprare su internet per esempio, però quando mi capita in mano una lattina dò sempre un’occhiata per vedere se mi manca. Non mi posso considerare in effetti un vero collezionista, mi mancano sempre 1 o 2 lattine per completare le collezioni come quelle di Natale dei Babbi Natale o degli orsi polari.

Al momento dovrei aver raggiunto e superato quota 80. La più vecchia che ho però è quella commemorativa delle Olimpiadi di Barcellona 1992 e non ho il minimo ricordo di come ci sia arrivata. Sono tutte vuote tranne una diet coke americana che mi ha portato un amico qualche anno fa. La linguetta è ancora sigillata ma quando l’ho sollevata prima era magicamente leggera. Misteri della coca cola. Per il resto sono anche quasi tutte italiane, tranne poche eccezioni. Ho anche un paio di bottigliette: una di vetro classica e una in plastica, una specie di prototipo che hanno dato in regalo con l’Happy Meal anni e anni fa per un breve periodo. Anche questa è ancora piena e ogni tanto la prendo e la tiro ancora a terra per farla rimbalzare. Quelle in primo piano nella foto sul primo scaffale sono 2 lattine da distributore e 2 da aereo (sempre gentilmente fornitemi da amici).

Non fate caso a difetti di misure e prospettiva della foto, sono 2 montate alla bene e meglio. Tra le 2 ci sono altre 2 mensole in cui si cela l’altra mia collezione che scoprirete domani.

Foto(092).jpg

P.S. risparmiatevi commenti del tipo "voglio abbatterle con la pistola a piombini", è la prima cosa che uno dice da 12 anni a questa parte entrando in camera mia per la prima volta. Almeno siate fantasiosi.