Warning: Illegal string offset 'footerstring' in /home/mhd-01/www.hardrockblog.it/htdocs/wp-content/plugins/rss-footer/rss-footer.php on line 125

Warning: Illegal string offset 'position' in /home/mhd-01/www.hardrockblog.it/htdocs/wp-content/plugins/rss-footer/rss-footer.php on line 126
parole archive -- Hard Rock Blog - Mosso da un motore a spinta d’improbabilità
27
nov

Me vs. tecnologia


Per quanto io mi sforzi di essere "uomo technologicus" ho decisamente un brutto rapporto con la parte fisica dei supporti informatici. Detto in parole povere: se qualcosa passa per le mie mani c’è una buona possibilità che si rompa. Mi viene da pensare al lettore DVD del portatile che dopo poco più di un’anno dall’acquisto, giusto il tempo di uscire dalla garanzia, mi abbandona, al mio vecchio lettore mp3 da 40gb che una sera, mentre ascoltavo "Il mondo è mio" (che animo sensibile) fa un brutto volo dal comodino o ancora al mio fidato hard disk da 120gb che un giorno decide di fare harakiri in una colonnina di fumo (insieme a 120gb di materiale pirata).

Ma la categoria più colpita dalla mia "delicatezza" nel maneggiare gli apparecchi elettronici sono sicuramente gli auricolari. Per carità, ne faccio un uso assiduo insieme al lettore mp3, ma difficilmente mi durano più di 2 o 3 mesi. Quelle uscite dal lettore stesso ebbero vita breve e ora giacciono nel mio piccolo cimitero personale insieme a quelle che comprai poco dopo, che erano anche discretamente di marca. Dopodichè comprai le Philips con il supporto che si aggancia dietro l’orecchio ma una mattina alzandomi dal letto calpestai un capo dell’auricolare e con un passo le separai come solitamente si fa con una coppia di gemelli siamesi. Tra quelle e le attuali ce ne fu almeno un’altro paio. E stamattina la storia si è ripetuta. Andando in università ho ascoltato tranquillamente il nuovo episodio di Rockast Italia, il mitico podcast del Dok, entro a lezione e lo ripongo davanti a me sul banco. Esco, riattacco il jack per ascoltare il termine dell’episodio ed ecco il problema che si è posto tutte le volte: uno dei 2 canali era partito e solo smanettando con il filo quando entra nel jack si stabilizza per un po’.

Qualche consiglio per preservare il mio portafogli e non darlo in pasto ai big dell’elettronica di consumo ogni volta?

18
nov

Videolog #1 – la fata verde

E visto che non avevo voglia di mettermi a scrivere qualcosa "Perché allora non fare un bel video?". E questo è il risultato. Prima lezione dell’alcolista: come preparare l’assenzio alla bohemien.

15
nov

L’Apocalisse alcolica

Lunedì mattina vado in università come tutte le mattine per il corso di e-business e gestione dell’innovazione e all’angolo della bibliobocconi mi trovo la solita gente che distribuisce flyers e quotidiani da metropolitana (una volta feci anche scorta di campioni di sughi pronti). Questo però era un po’ diverso: noto che distribuisce dei librettini brossurati, delle agendine promozionali penso io. E me ne ritrovo una in mano. Giro la copertina e mi trovo scritto "Nuovo testamento e Salmi". Lo rimetto in tasca prima che la mia mano si sciogliesse a contatto con qualcosa di sacro. In aula ci do una sfogliata e leggo che il tizio che me l’ha rifilato fa parte dei Gedeoni, una setta cristiana che si pone come scopo la diffusione e la lettura dei Testamenti.

E quale può essere il primo testo che vado a leggere? Ma ovviamente l’Apocalisse di Giovanni! Ho letto ieri sera i 22 capitoli che la compongono tutti d’un fiato. Degni del miglior Tolkien! Vecchi saggi, eserciti divini che scendono sula Terra per distruggere tutto, i 4 cavalieri, un libro misterioso, draghi, bestie infernali che governano sugli esseri umani e una donna che partorisce un figlio, destinato ad essere mangiato dal drago, ma che invece regnerà "con una verga di ferro". A dir poco stupendo.

Tutto comincia con l’apertura dei 7 sigilli del libro della profezia da parte dell’Agnello Cristo. Ad ogni apertura di un sigillo corrisponde un evento apocalittico. I primi 4 corrispondono alla venuta sulla Terra dei famosi Cavalieri dell’Apocalisse, fame, morte, guerra e malattia. Al quinto sigillo vengono liberate le anime di coloro che sono morti per la parola di Dio, che successivamente governeranno gli esseri umani per mille anni insieme a Cristo tra una battaglia e l’altra con Satana. Il sesto sigillo è quello che distrugge tutto, terra, cielo, mari e stelle. Gli uomini sono ancora salvi perché da questi vengono radunati 144.000 saggi che vanno al cospetto di Dio e vengono salvati (12.000 per ogni tribù d’Israele quindi per noi non c’è scampo).

Il settimo sigillo è quello che preferisco. Si fece silenzio per mezz’ora dopodichè furono dati a 7 angeli 7 trombe. Vi risparmio i particolari fino al terzo angelo:

"Poi il terzo angelo sonò la tromba e dal cielo cadde una grande stella, ardente come una torcia, che piombò su un terzo dei fiumi e sulle sorgenti delle acque. Il nome della stella è Assenzio; e un terzo delle acque diventò assenzio."

(Apocalisse 8,10-11)
12
nov

Mother Love

Aspettavo con una certa ansia il nuovo film di Tornatore. Vidi La Leggenda Del Pianista sull’Oceano e mi emozionò tantissimo. Quest’estate poi ho scoperto Nuovo Cinema Paradiso ed è stato altrettanto bello. Poi ovviamente ci sono Malena e il Camorrista. Non sapevo sarebbe uscito a breve un suo nuovo film, dopo aver visto il trailer mi sono più o meno detto "Ma da quando Tornatore si è messo a fare i thriller?".

La storia è senza dubbio originale e di attualità: nella ricca provincia trevigiana una ragazza polacca fa di tutto per farsi prendere a lavorare presso una coppia di orafi che hanno una bambina. Cercando di svelare il meno possibile gli sviluppi, presto il passato della ragazza tornerà a bussare prepotentemente alla sua porta rendendo la vita molto difficile a lei e alla famiglia che la ospita. Grazie ai numerosi e brevi flashback lo spettatore comincia a conoscere Irene prima di diventare una diligente colf.

La trama senza dubbio è bella e commovente perché parla del disagio sociale degli immigrati che spesso vengono costretti su un marciapiede a prostituirsi. E anche quando i conti sembravano chiusi non è sempre detta l’ultima parola. La prima metà del film è un po’ lenta, la protagonista scava a fondo alla ricerca di quello che le serve sapere della coppia, senza momenti di particolare tensione. Poi quando tutte le tessere del mosaico vanno al loro posto e compongono la storia nel suo insieme diventa avvincente.

01
nov

Canta la ballata della zucca con noi

Povero Halloween, tutti se la prendono con lui. Festa pagana, è solo una ricorrenza commerciale, peccato che tutte le feste del nostro calendario, da Natale a Ferragosto, abbiano tutte la stessa origine pagana e oggi siano diventate nel corso degli anni feste commerciali. Una in più non fa molta differenza.

Oramai però è ufficiale: ha definitivamente preso piede anche in Italia. Se da qualche anno a questa parte si limitava a qualche festicciola in casa o in qualche locale ieri la cosa ha preso una brutta piega. Ordino la pizza con Andrea (un’ottima margherita con salame piccante e gorgonzola) e mentre la mangiamo in cucina si cominciano a sentire diaboliche urla di ragazzini per le scale. E infatti dopo 5 minuti ecco che suonano alla porta. Chiudiamo luci e televisione e guardiamo dallo spioncino. Un’invasione di marmoccihi. Almeno 6 o 7 di loro avevano invaso il pianerottolo.

Quante caramelle possono esserci in una casa di studenti fuori sede? Nessuna. Stavo andando a prendere la bottiglia di vino per offrirne un bicchiere ai marmocchi quando Andrea ha avuto la più saggia decisione di non aprire la porta.

PREVIOUS