09
lug

Coincidenze della Madonna (parte 2: la vendemmia)

Una delle tesi più importanti per chi avvalora la veridicità di Fatima è il susseguirsi del numero 13.

Tutte le apparizioni, tranne una, sono avvenute il 13 di ogni mese, da maggio fino a ottobre. Il 13 maggio 1981 c’è stato l’attentato a Giovanni Paolo II (se gli fosse caduto un meteorite in testa allora avrei accettato la coincidenza ma è stato sparato deliberatamente da qualcuno quel giorno). Il 13 febbraio dell’anno scorso Lucia Dos Santos, la pastorella sopravvissuta all’ecatombe voluta dal barbuto, muore. Io non ci vedo niente di eccezionale, il 13 viene una volta ogni 30 giorni, c’è circa l’8% delle possibilità che un avvenimento avvenga il 13 di ogni mese, una percentuale piuttosto alta, soprattutto quando c’è la mano dell’uomo a pilotare gli eventi (vedi ancora l’attentato).

Visto che oggi non è un giorno come un’altro continuiamo a parlare di coincidenze. L’Italia va in finale ogni 12 anni (Messico 70, Spagna 82, USA 94, Germania 06) e fin’ora nelle finali dispari è sempre stata battuta, vincendo quella pari. Nel 1982 prima di andare ai mondiali gli azzurri fecero una partita amichevole contro la Svizzera pareggiandola. Abbiamo pareggiato anche prima di questo mondiale 0-0 con la Svizzera in amichevole. Zaccardo come Collovati: entrambi segnano un’autogol alla seconda partita del mondiale. Dai quarti nel 1982 andarono avanti solo squadre europee, come oggi, 3 delle quali sono le stesse di oggi. La quarta allore era la Polonia, oggi il Portogallo, entrambe iniziano per po. Polonia che nel 1982 incontrammo in semifinale e a quel tempo sul trono di Roma c’era Karol Wojtyla. Sappiamo tutti chi abbiamo battuto martedì in semifinale e casualmente sul trono di Roma c’è il pastore tedesco. Il giorno della finale del 1982 a Torino suonavano i Rolling Stones e Jagger fece una previsione: 3-1 per l’Italia. Stasera a Milano c’è il concerto di apertura della trance europea del tour di A Bigger Bang. Jagger ha profetizzato 1-0 per gli azzurri.

JAGGER SANTO SUBITO!

16
dic

La vecchiaia fa male

Questi i prezzi del concerto degli Stones a Milano, al San Siro:

Tribuna Rossa 1Anello numerato € 128,80
Tribuna Rossa 2 Anello numerato € 112,70
Prato A € 80,50
1 Anello Blu non numerato € 72,40
1 Anello Verde non numerato € 72,40
Prato B € 72,40
2 Anello Blu non numerato € 60,90
2 Anello Verde non numerato € 60,90
3 Anello non numerato € 47,10

Ma stiamo scherzando?? 72€ per il prato?? in uno stadio per di più dove la grande capienza dovrebbe giustificare un prezzo relativamente inferiore. Sinceramente mi è passata la voglia di andarli a vedere.

Stasera però non mi è passata la voglia del Rocky Horror Picture Show, andrò al cinema Mexico a vederlo! La patria del Rocky Horror a Milano dove viene trasmesso regolarmente dal 1981!

24
set

My generation

Ieri è finalmente uscito il Rolling Stones di ottobre con allegato il dvd my generation, un documentario di 100 minuti circa su Woodstock 69-94-99. Apro il dvd con entusiasmo che aumenta quando vedo il libretto interno con la lista delle canzoni del concerto del 69 tra le quali Try di Janis Joplin. Star Spangled Banner di Hendrix o Fixin to Die Rag di Country Joe McDonald (GIMME AN F, GIMME A U, GIMME A C, GIMME A K, WHAT’S THE SPELL!? WHAT’S THE SPELL!? WHAT’S THE SPELL!?). Inizia il film e piano piano mi rendo conto che quello che mi interessa, ossia il concerto del 69, è solo una minima parte del documentario che si incentra sopratutto sulle 2 sconfortanti esperienze degli anni 90. Le canzoni sopracitate poi si riducono a pochi secondi delle varie performance.

Beh a questo punto credo di poter sconsigliare a tutti l’investimento di questi 12.90€, speriamo bene per il dvd del prossimo mese su the "rise and the fall of sex pistols".