Warning: Illegal string offset 'footerstring' in /home/mhd-01/www.hardrockblog.it/htdocs/wp-content/plugins/rss-footer/rss-footer.php on line 125

Warning: Illegal string offset 'position' in /home/mhd-01/www.hardrockblog.it/htdocs/wp-content/plugins/rss-footer/rss-footer.php on line 126
alcatraz archive -- Hard Rock Blog - Mosso da un motore a spinta d’improbabilità
01
nov

Father Halloween

Ieri era Halloween, la notte delle streghe, nonché il compleanno di Simona. Così dopo un anno da quando l’ho visto per la prima volta su Flickr ho potuto sfoggiare il mio costume tanto desiderato. Facile da realizzare, economico e di impatto. Dopo casa di Simona infatti siamo stati all’Alcatraz dove devo dire che ho suscitato un certo interesse, ero armato anche di Vangelo e crocefisso per benedire le anime in pena. Ho posato per varie foto anche se quelli che proprio non ho capito erano quelli che urlavano “Porco Dio” quando io passavo. Forse non capivano che non ero un vero prete. Boh.

00037

Pentitevi!

03
feb

Once Upon A Time You Dressed So Fine

rolling flier

Per motivi di esami non sono riuscito ad andarci la settimana scorsa ma stasera ci sarò. Mi piace il Rolling Stone, forse non come alcune serata all’Alcatraz (minchia qualche sabato fa con le RockAngels…), però alla fine ci si diverte sempre.
Il fatto è che spesso le serate dopo un certo orario diventano monotone, il resident mette sempre le stesse canzoni. Le solite 2 o 3 canzoni Ska, le solite 2 o 3 canzoni Raggea, le solite 2 canzoni dei Sud Sound System, le solite canzoni revival anni 60 tra il twist e i Beach Boys. Qualche volta Roadhouse Blues dei Doors e poi annuncia: “Questo è il mio tributo per una voce eccezionale” e parte We Will Rock You. Non dico di cambiare canzone, ma almeno usa parole diverse. All’Alcatraz invece c’è più variazione, ci sono DJ ospiti e c’è un repertorio abbastanza vasto da non essere mai ripetitivo (almeno il sabato).
Stasera andrò a dare un’occhiata a come l’hanno conciato, una cosa buona è che non leggo della sala Hip-Hop, che l’abbiano demolita?

05
mar

A Night At The Alcatraz

Devo ammetterlo, gran bel weekend. Come poteva andare meglio? Venerdì serata Rocky Horror, di cui ho parlato 2 post fa, e ieri sera Freddie Mercury Tribute Night all’Alcatraz, nota discoteca rock di Milano.

Il programma prevedeva fondamentalmente il concerto dei Queen Mania e dalle 23.30, per mezz’ora, la trasmissione di video rari, come millanta il manifesto.

Per quanto riguarda questi ultimi è stata una mezza delusione, si trattava semplicemente di brevissime clip nemmeno tanto rare, tra l’altro senza audio che era lasciato agli sponsor proiettati sugli altri megaschermi.

Attorno a mezzanotte inizia il concerto dei Queen Mania, una tribute band che suonerà per circa un’ora e mezza successi che ripercorrono tutta la carriera dei nostri, dal 1973 di Keep Yourself Alive al 2004 di Say It’s not True, una delle canzoni scritte da Roger per il 46664, il concerto di Nelson Mandela contro l’AIDS.

Per quanto riguarda la scelta dei pezzi si è trattato soprattutto di "canzoni da Greatest Hits". Bohemian Rhapsody, Under Pressure, Love Of My Life, Now I’m Here,  Radio Ga Ga,  I Want To Break Free, Somebody To Love, I Want It All, Spread Your Wings And Fly, Save Me, We Will Rock You, We Are The  Champions ecc ecc.

La presenza scenica della band poi non è stata affatto male. Il cantante è senza dubbio molto somigliante: fisico asciutto e accenno di mascellone (più ovviamente baffi d’ordinanza). Molto belli i vestiti, praticamente tutti quelli più famosi: dal tutù bianco e nero allo stile macho con coppola e giubbino di pelle, dalle saette dei tour di Hot Space e The Works alla tenuta stile Wembley. Piccola chicca il travestimento in tema con il video in I Want To Break Free, e chi lo ha visto sa cosa intendo. A parte qualche sbavatura, soprattutto nel falsetto, la sua performane canora è stata di buon livello, considerando anche chi imita.

Il resto della band è stata davvero all’altezza. Il batterista forse è stato quello più bravo con tanto di assolo, tant’è che è stato presentato alla fine come uno dei più bravi batteristi italiani, ammetto di esserne stato colpito. Non so però se si tratta di Let There Be Drums, l’assolo che ha interpretato spesso Roger nell’ultimo tour.  Giustamente sborone alla Brian May il chitarrista, anche lui assolutamente perfetto e anche lui  con il suo accenno di Brighton Rock solo, certo, in questo non si è avvicinato molto alla perfezione del Maestro ma si è rifatto con un’ottima esecuzione di Last Horizon. Bravo anche il John Deacon del gruppo, strana specie i bassisti, non  si sa mai cosa dire…

Infine un 6 al pubblico: pochi fans, molti evidentemente sono venuti per curiosità o si sono trovati per caso. Nonostante l’Alcatraz sia grande e abbastanza pieno in pochi hanno cantato Love Of My Life.

Prima esperienza di tribute band queenica ottima, spero di ripeterla presto. Appena converto i filmati che ho fatto con il telefonino ne piazzo qualcuno quì.

04
mar

On an Islan with David Gilmour

Sto finalmente ascoltando il nuovo album da solista del grande Gilmour.
Al primo ascolto è molto molto interessante, strizza più di un occhio ai Floyd, diciamo periodo Relics o giù di lì, inizio 70 per intenderci. Fin’ora la traccia più bella è quella che sto ascoltando ora, Then I Close My Eyes. Da spegnere le luci, chiudere gli occhi ed iniziare ad emozionarsi. 10 tracce in totale per 51 minuti di durata (un po’ poco?). A presto per una descrizione più dettagliata.

 
Image Hosted by ImageShack.us

Stasera sarò all’Alcatraz di Milano per la Queen mania night! Serata che si prospetta interessantissima tra video per appassionati e coverband livee.

Il bello di vivere a Milano…