Warning: Illegal string offset 'footerstring' in /home/mhd-01/www.hardrockblog.it/htdocs/wp-content/plugins/rss-footer/rss-footer.php on line 125

Warning: Illegal string offset 'position' in /home/mhd-01/www.hardrockblog.it/htdocs/wp-content/plugins/rss-footer/rss-footer.php on line 126
informatica archive -- Hard Rock Blog - Mosso da un motore a spinta d’improbabilità
29
gen

La mia scrivania

My present desktop

Questa attualmente è la mia scrivania, dove passo buona parte della mia giornata non avendo fondamentalmente niente da fare, a parte cercare stage (domani ho il primo colloquio, hurray!). Da sinistra potete vedere il mio portatile, un Dell XPS1330m, lo schermo Samsung 20” a cui appese si intravedono le cuffie Sennheiser, un Moleskine, un Nabaztag, il mio Nokia 6680, la Nintendo Wii e la cassa destra Empire. Nel vano al di sotto si intravede il volante per le frequenti scorrazzate su Mario Kart.

Ma c’è un po’ di attrezzatura che devo comprare nei prossimi mesi. Per prima cosa mi serve una tastiera perché la mia schiena non ce la fa più a stare girata sulla sinistra per digitare. Con una trentina di euro dovrei porarmene a casa una decente, dato che sono allergico a quelle wireless e al cambio di batteria. Questo comporta anche l’acquisto di un hub usb.

Sempre nel breve periodo ho bisogno di un hard disk esterno, diciamo che con un tera mela dovrei cavare. Su ebay, ma anche offline, non dovrei superare il centinaio di euro, finanziati dai proventi delle campagne pubblicitarie su questo blog. La decisione gravita tra un LaCie e un Western Digital. Sarei propendente per il secondo.

Un altro acquisto che sono desideroso di fare è un Griffin Elevator, ossia una struttura che permette di sollevare il portatile di qualche centimetro dalla scrivania per recuperare un po’ di spazio. Questo purtroppo in Italia non sembra ancora giunto e ordinandolo su eBay non ce ne si esce con meno di 40€.

Infine devo decidermi a fare un bell’upgrade al telefono, ma qui se ne parla  in primavera. Il G1 di Google sta per affrontare le onde dell’Atlantico e sbarcare in Europa, ma in Italia bisognerà aspettare ancora qualche mese. Poi ci sono le foto del G2 che sembra essere piuttosto sexy, anche se non ha la qwerty e ha forse i tasti più brutti della storia della telefonia, ma le foto si riferiscono a un prototipo.

09
giu

Today is the iphone 2-day

Mentre il 90% dell’Italia oggi aspetta le 20:45 per la partita della Nazionale, c’è uno  0,00001% circa per cui l’evento di oggi è alle 19, quando Steve Jobs salirà sul palco del WWDC per annunciare i nuovi-vecchi prodotti Apple.

E oggi saprò le caratteristiche del mio futuro telefonino, che fra un mesetto e mezzo sarà nelle mie mani all’ombra del cubo dell’Apple Store sulla Fifth Avenue. Mmmh no forse dovrò farmelo spedire nella mia residenza dei miei 10 giorni newyorkesi, mi sa che all’Apple Store bisogna contestualmente sottoscrivere l’abbonamento AT&T, mi devo informare.

Per questo keynote ci saranno dei cambiamenti dal punto di vista delle piattaforme tecnologiche per noi poveri mortali lontani dal WWDC. Gli ultimi li ho seguiti testualmente sui vari macrumors. L’ultimissimo provai a seguirlo via Twitter ma il sito cadde miseramente (già ha problemi normalmente, figuriamoci sotto stress). Per la prima volta invece potrebbe esserci per la diretta audio tramite ustream. Data la natura sperimentale dell’iniziativa non si sa se resisterà. Altri siti che terrò d’occhio saranno la stanza di FriendFeed e Summize per le reazioni e i commenti a caldo, roba che Digg sembra web 1.0. E non dimentichiamo il nuovo Google Finance per vedere come i mercati reagiscono all’annuncio. A più tardi per i commenti su Twitter (e se non regge forse è ora di iscriversi a Plurk).

07
feb

Linux Laptop VS. Mac Book: fight!

Ho appena ricevuto una mail del Dok di RockcastItalia, noto macchista convinto per chi segue il podcast, che con tono provocatorio (ahahah va che scherzo) mi faceva notare come a parità di potenza un MacBook costi di meno.

Diamo un’occhiata alle specifiche del MacBook base. Processore Intel Core 2 Duo 1,83 Ghz, 2 Mb cache shared, system bus 667Mhz; memoria RAM 512Mb DDR2 SDRAM 667Mhz; hard disk 60Gb serial-ATA 5400rpm; lettore DVD e masterizzatore CD-R/CD-RW; scheda grafica Intel GMA 950 equipaggiata di 64MB di DDR2 SDRAM condivisa con la memoria principale. Altre caratteristiche pressocchè simili al Darter Ultra sono lo schermo da 13.3 pollici, bluetooth, wifi 802.11 abg e la scheda ethernet.

Andiamo a costruire un Darter con queste caratteristiche. Facendo l’upgrade del processore e dell’hard disk arriviamo a $1,263.00 contro
$1,099.00
del Mac
Book per un
totale di
+164.00$ a
favore del Mac.
$1,263.00 contro $1,099.00 del Mac Book per un totale di +164.00$ a favore del Mac. Il modello suggeritomi dal Dok, il quale ha il Mac di fascia intermedia da 2.0Ghz, 1Gb RAM e 80Gb di hard disk 5400rpm al prezzo di $1,299,00 sul sito Apple, costa nel corrispettivo pinguino $1,414.00 (+115.00$).

Ok, è vero detta così il Mac sembra più economico ma il trucco c’è e si vede. Il Mac, per le sue caratteristiche intrinseche e per l’uso per il quale è stato progettato e poi viene effettivamente usato, ha una scheda grafica piuttosto povera di prestazioni. Semplicemente non avrebbe bisogno di una più potente dato che, a meno di smanettare con Parallels o BootCamp, non ha un parco di giochi sufficientemente ampio per sfruttarne le potenzialità nè tantomeno lo necessita l’interfaccia grafica. Rinunciando invece a un po’ di potenza di calcolo, oppure spendendo qualche dollaro in più, si ha la possibilità di avere Ubuntu, posizionare il cursore nell’angolo basso dello schermo e passare, con un effetto del cubo che gira, grazie a Beryl sulla scrivania successiva sul quale sta girando Half Life 2 grazie a VMware. E sta girando meglio di come girerebbe sul MacBook data la scheda grafica sensibilmente migliore.

Il secondo aspetto che secondo me è molto importante è che il Mac Book di fascia bassa non ha il masterizzatore DVDMac Book di fascia bassa non ha il masterizzatore DVD, al contrario il Darter supporta anche i DVD dual layer di default. Personalmente dovendo fare nel 2007 l’investimento in un portatile non me la sentirei di comprarlo senza masterizzatore DVD. In più ci aggiungerei che il Darter ha dalla sua il lettore di flashcard integrato e l’uscita s-video per collegarlo direttamente alla tv (cosa che uso spesso e molto comoda) e che il MacBook ha solo tramite adattatore venduto separatamente.

Ok ammetto che avevo liquidato il costo dell’hardware più economico un po’ troppo in fretta. Quello che pesa sicuramente di più sul prezzo finale del Darter è il processore ed è anche ovvio che la Apple, facendo ordinativi di qualche milione di pezzi alla volta, spunti un prezzo alla Intel molto più basso. I 164.00 dollari di differenza sul prezzo finale però non sono fumo, si ha pur sempre una scheda grafica di gran lunga superiore, un masterizzatore dvd e un altro paio di funzioni, nonchè la possibilità di personalizzare la propria macchina secondo le esigenze.

Infine qualche bega sulla valuta ci sarebbe (economista mode="on"). Comprare un Mac un USA costa molto di meno che comprare la stessa macchina in Europa, roba di 250€ di differenza se non faccio male i conti (al tasso di cambio di Google). Se l’azienda che produce il Darter spedisse in Europa e ne comprassimo uno upgradato in USA e il Mac in Europa (ipotesi plausibile a meno che non prendiamo un aereo transoceanico), quest’ultimo costerebbe 143€ di più (una parte andrebbero via in spese di spedizione, of course). E qualcosa mi dice che la Apple non spedisca in Italia dallo store americano.

Dok non ti mettere mai contro un economista! :mgreen:

07
feb

Il portatile dei miei sogni

img1

Finalmente ho visto il portatile dei miei sogni. Era lì, scintillante su digg.com tra le notizie come il primo portatile con preinstallato Ubuntu. Queste le caratteristiche:

Processor: Intel Core 2 Duo options
Display: 13.3” Widescreen WXGA (1280X800)
Graphics: Intel GMA 950 224 MB Integrated Graphics
Sound: Intel High Definition Audio
Networking: 10/100 (LAN)
Wireless: Intel 802.11 abg & Bluetooth
Card Reader: 4 in 1 Card Reader
Expansion: PCI Express Card Slot (34/54)
Ports: VGA, 3x USB 2.0, Mic In, Headphone Out, FireWire 1394B, S-Video
Battery: 6 Cell Lithium Ion
Battery Life: 4.5 Hours
Dimensions: 12.4" x 8.9" x 1.24" (W x D x H)
Weight: 4.3 lbs

Insomma esattamente quello che cerco. Un portatile piccolo, di una discreta potenza, Bluetooth, WiFi, una buona durata della batteria e soprattutto progettato appositamente per Linux, senza bisogno di doversi smazzare con la compatibilità delle periferiche che in un portatile è sempre più complicata di un fisso. L’unico dubbio è sulla scheda grafica e se supporta FXGL e Beryl. La potenza c’è tutta, bisogna vedere come vanno i driver ma le versioni precedenti erano supportate.

Questa versione è al modico prezzo di 995$. Si sente eccome la mancanza di una licenza Windows sul prezzo finale. Inoltre è ampiamente configurabile a seconda delle proprie esigenze di memoria o di potenza. E’ disponibile anche in "tagli" da 14 e 15 pollici con il prezzo che oscilla tra i 699$ e 1099$, più eventuali personalizzazioni.

In effetti ancora non mi sono convinto a prendere un Mac. Con un portatile del genere posso avere tutto quello che potrei avere su un Mac a un costo del software pari a 0 ma uno decisamente minore per quanto riguarda l’hardware. E poi Beryl è dannatamente più cool di Tiger.

Per chi è interessato a una piccola comparazione di prezzo con i portatili Apple.

Cos’è Beryl? Video after jump (e poi tutti in coro "Vista fa schifo")

[youtube ZD7QraljRfM beryl]

08
set

A morte Internet Exploder (ancora una volta)

Ecco quì, ho finito le modifiche al blog. Niente di sostanziale, ho giusto cambiato qualcosa nel css per aggiungere qualche orpello che mi frullava nella testa da un po’. Innanzi tutto la data del post in questo riquadro che fa molto digg.com. Peccato che non si possano dividere i vari elementi (giorno, mese, anno) per una migliore organizzazione. Il tutto con un tocco di trasparenza per fonderlo meglio con il resto del template. Tra l’altro non pensavo che non esistesse ancora un’opzione da parte del w3 (l’organismo che decide gli standard delle pagine web) per mettere la trasparenza, ho dovuto utilizzare 2 comandi diversi e proprietari, uno riconosciuto da IE e uno da Gecko (il motore che fa girare Firefox). Con Opera non so come si veda quindi se qualcuno utilizza il suddetto ottimo browser potrebbe per favore farmi sapere? Grazie. L’altra aggiunta è una piccola cornice attorno alle immagini, altra cosa che avevo in mente da un po’. Volevo mettere anche i rounded corner ma anche questi ancora non sono entrati negli standard del css. Speriamo che con l’avanzare dell’AJAX e quindi del massiccio uso dei fogli di stile qualcosa si muova perchè scrivere i fogli di stile è sempre molto divertente (il geek che esce allo scoperto) (approposito di geek, dopo devo scrivere 2 righe su geeks and chicks, conosciuto in italia come pupe e secchioni).

Come ogni buon web mastro sono andato a controllare anche come fosse la situazione con Internet Explorer, giusto perchè purtroppo la maggioranza dei visitatori continua ad usare il pessimo browser di casa Microsoft. Obbrobbrio! La trasparenza funziona ma è tutto il resto che è da buttare nel cesso. In primis niente bordo bianco attorno alle immagini, solo il margine grigio. Secondo l’header, la targa quì sopra, scendendo verso il basso rimane fermo e non si muove con il resto del blog (e perchè mai? mica è impostato su fixed!). Terzo la colonna di destra ha troppo padding, eppure è calcolato al pixel! MIsteri di Zio Bill. E menomale che uso anche la beta di Internet Exploder 7 che dicevano fosse molto più fedele agli standard del w3. Che vergogna.

Ancora una volta vi invito tutti a passare a Firefox o a Opera, i migliori browser che ci sono attualmente in circolazione, entrambi gratis, pieni di funzioni anni luce avanti a IE e espandibili grazie a una marea di plugin e temi.

PREVIOUS